Senza notifica rendita inefficace

Senza notifica rendita inefficace
Autore:  Luigi Lovecchio
Fonte:  Il Sole 24 Ore  pag:  26
Dal 1°gennaio 2000 l’omissione della notifica per le rendite catastali determina automaticamente l’illegittimità dell’atto di accertamento. Ad affermare il principio è la Corte di cassazione con la sentenza n. 22789, depositata ieri. La vicenda analizzata riguardava l’Ici. Un contribuente, dopo aver eseguito dei lavori sull’immobile, aveva denunciato una variazione al catasto, ai fini della modificazione in aumento della rendita iscritta. Successivamente il Comune notificava un avviso di accertamento ai fini Ici, applicando la maggiore rendita attribuita dal catasto. Il contribuente lo impugnava, eccependo di non aver mai ricevuto la notifica della rendita presupposto. La Cassazione gli ha dato ragione, annullando l’accertamento comunale. L’articolo 74 della legge 342/2000, al primo comma, afferma che a decorrere dal 1°gennaio 2000, le rendite catastali hanno efficacia solo a decorrere dalla loro notificazione.

www.fisco24.info Fisco,Contabilita,Economia,Politica,Rassegna stampa,News,novità,quotidiani

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: