Linea dura sulle Srl con pochi soci

Srl con pochi soci, imputazione per trasparenza

 

La giurisprudenza promuove la prassi di imputazione per trasparenza che l’Agenzia delle Entrate sta applicando alle società di capitali a ristretta base azionaria. Dunque, salvo prova contraria, i proventi dell’evasione si presumono distribuiti ai soci. Sebbene secondo l’orientamento maggioritario dei giudici di legittimità l’imputazione ai soci debba fondarsi su un atto definitivo a carico della società, gli Uffici, per evitare la decadenza, emettono contemporaneamente l’avviso di accertamento sia alla società che ai soci. Su questo tipo di pretese sono emerse diverse perplessità. In caso di rettifica della dichiarazione di una società l’ufficio contesta al socio l’omessa indicazione di un reddito di capitale, in proporzione alle quote o azioni possedute. Il fisco, cioè, presume che i maggiori ricavi ‘scoperti’ all’ente siano confluiti al socio il cui ridotto numero fa presumere ai giudici che gli stessi abbiano maggiore conoscibilità degli affari societari.

Autore: Laura Ambrosi
Fonte: Il Sole 24 Ore – Norme e Trib. pag: 23 30/10/2017

wwww.fisco24.info

Riforma del fallimento 2017: Esdebitazione anche alle imprese

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: