La rivalutazione partecipazioni perde smalto

partecipazioni

Rivalutazione partecipazioni

Rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni. Il Ddl di Bilancio contiene l’ennesima riapertura dei termini per rideterminare i costi di acquisto. Ma la nuova riapertura rischia di non essere appetibile, almeno in buona parte dei casi e soprattutto per i terreni, sia per l’entità dell’imposta sostitutiva (8%), sia per il costante calo dei valori reali dei beni. E’ bene ricordare che la rivalutazione impatta sulla determinazione della plusvalenza tassabile, nell’ambito dei redditi delle persone fisiche e dei soggetti assimilati, restando esclusi i beni detenuti nell’ambito del regime d’impresa. Di conseguenza, i soggetti non residenti e i titolari di diritti reali, anche di terreni, limitatamente alla quota posseduta, potranno rideterminare il valore dei terreni e delle quote detenuti alla data del 1°gennaio 2018. Entro il 30 giugno 2018 il contribuente interessato deve ottenere una perizia giurata di un professionista. Sempre entro il 30 giugno 2018 va effettuato il versamento dell’intera quota o della prima rata dell’imposta sostitutiva.

Autore: Fabrizio G. Poggiani
Fonte: Italia Oggi pag: 10  28-10-2017

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: